29 Novembre 2017 1 Comment I nostri articoli

Noi ci siamo

di Arcangelo Merella

L’esito elettorale ci ha paradossalmente rafforzati. E’ vero non abbiamo eletto a Tursi, ma siamo riusciti a eleggere nel Municipio della Val Bisagno l’ottimo Giancarlo Ceregini, e non si può dire che la nostra presenza sia passata inosservata. Anche i voti presi dalla lista e dal candidato sindaco, se consideriamo che l’esperienza è stata messa in piedi in pochi mesi, sono un risultato incoraggiante.

Prova ne è la voglia di restare insieme da parte di quei tanti cittadini che hanno apprezzato fin dall’inizio la nostra proposta e che per nulla scoraggiati dall’esito elettorale, vogliono continuare.

E noi ci siamo, con il nostro orgoglio, la nostra visione, la voglia di imprimere quella svolta al cambiamento che una città, ancora arrancante, richiede.

E ci auguriamo che tornino a darci una mano anche coloro che, delusi dalla scelta dell’apparentamento, hanno allentato il rapporto di collaborazione che avevano entusiasticamente, agganciato.

Non torno sul passato perché il nostro motto è guardare avanti, anzi persino oltre, dunque ora dobbiamo ragionare su cosa vogliamo fare, per quali obbiettivi e con quali strumenti.

Intanto non abbiamo abbandonato e distratto lo sguardo sulle vicende della nostra città; lo facciamo, come sempre, senza pregiudizio, senza secondi fini, ma solo con il desiderio di vedere instradata Genova sulla via della rinascita.

Percorso difficile e pieno di insidie: basta leggere i giornali di questi giorni per vedere come la crisi morda il nostro territorio. Rinascente chiude, Piaggio aero è in liquidazione, le ditte che hanno l’appalto delle mense fanno sempre maggiore ricorso a personale precarissimo  a ore, Ex Ilva è sempre in alto mare.

Segnali molto positivi vengono dalla cantieristica, Erzelli va avanti dopo la firma dell’Università di Genova, Phase ( industria genovese all’avanguardia) dopo anni di supplizi pare abbia finalmente trovato la giusta collocazione per crescere e rafforzarsi, il porto di Genova e il VTE in particolare continua a incrementare i volumi trattati. Vediamo queste situazioni come incoraggiamento ma, ripeto, sappiamo che la strada è difficile e che dobbiamo risalire parecchi posti nelle diverse classifiche che pongono Genova sempre nella parte bassa (vedi ultimo rapporto ICity rate 2017 e il rapporto Ecosistema Urbano di Legambiente 2017) e la popolazione non cresce.

A Tursi c’è una nuova Giunta, di netta discontinuità con la precedente non solo sul piano politico ma anche su quello del metodo e del merito; fino ad oggi si è espressa con molti annunci, qualche sporadica ma importante iniziativa in controtendenza al recente passato, ma non siamo ancora in grado di esprimere un giudizio e una valutazione sull’attività svolta e sui risultati attesi. E’ presto, ma non rinunceremo a farlo e lo faremo, dopo il naturale periodo di assestamento che una nuova Amministrazione deve necessariamente darsi.

Osservo però che molti temi della nostra agenda sono stati fatti propri dal sindaco Marco Bucci (tramvia, Euroflora ai parchi di Nervi) , qualcun altro no come per esempio la scelta non condivisibile di mantenere AMT in house, e vedremo dal prossimo bilancio quale sono le vere intenzioni della nuova amministrazione e la capacità di introdurre quell’innovazione che possa consentire di erogare servi di migliore qualità.

Intanto noi riprendiamo la nostra riflessione comune dando nuovamente vita al fortunato ciclo dei seminari “DIVENERDI’” Scuola e laboratorio di formazione civica, diretto da Giovanni Facco che racconta in altra parte del giornale obbiettivi, metodo e contenuti.

E ci organizziamo dotandoci di strumenti di governance e di presenza sul territorio, indispensabili per ascoltare la gente, prendere visione di quello che accade, proporre soluzioni.

Questo è il nostro scopo e chiediamo a chiunque ne abbia voglia e senta un po’ di passione civica di aggregarsi a noi.

E’ un impegno civile che punta a una comunità sana e che vuole lasciare in eredità ai propri figli e nipoti una città bella, operosa e serena.

Arcangelo Merella

1 Comments

pierluigi ferrari2 Dicembre 2017 at 16:45

Chiaro, sintetico e costruttivo. Bene Arcangelo

Reply

LEAVE A COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 10 =